Il caso di Grup Yorum è stato archiviato
 


Il caso di Grup Yorum è stato archiviato

L'udienza dei membri di Grup Yorum si è svolta il 14 febbraio alle ore 10.00 nel tribunale di Çağlayan nella 37° Corte d'Assise. Prima del processo è stato emesso un comunicato stampa in cui sono stati menzionati i membri del gruppo in sciopero della fame davanti al palazzo di giustizia, i volontari di Grup Yorum, le famiglie della TAYAD, gli artisti, i poeti, gli scrittori e i membri dell'organizzazione democratica del popolo e i loro rappresentanti. Secondo il comunicato stampa, il tempo di attesa è iniziato nel corridoio del palazzo di giustizia. Durante l'udienza è stato ascoltato il membro di Grup Yorum İbrahim Gökçek. Dalle relazioni delle istituzioni sanitarie internazionali si sa anche che a Gökçek, che è in death fast da 242 giorni, è stato rifiutato di essere portato in tribunale con un'ambulanza ma lo hanno portato con un veicolo separato. Non è accettabile portare nei tribunali una persona che è stata a digiuno per 242 giorni in questo modo. E’ una tortura.

Dopo mesi di detenzione, İbrahim Gökçek, Emel Yeşilırmak, Barış Yüksel e quattro rivoluzionari hanno iniziato il processo il 14 febbraio davanti alla Corte d’Assise di Istanbul.
İbrahim Gökçek, il bassista del Grup Yorum, è in death fast per protestare contro le incursioni costanti del Centro Culturale İdil.

L'avvocato Yaprak Türkmen, presente in aula per difendere i suoi clienti, ha sottolineato che il tribunale aveva perso la sua neutralità e all'inizio dell'udienza ha avuto il rifiuto del giudice. Con una decisione di pochi minuti, il Presidente della Corte ha respinto la richiesta con la motivazione che "la richiesta era maliziosa e mirava a prolungare il processo".

Un tempo la giustizia in Turchia andava d'accordo con la legge e non ammetteva la sentenza di un processo in pochi minuti.  Ecco perché gli artisti in questo Paese, dove la giustizia non funziona, mettono in campo il loro corpo con proteste di scioperi della fame.

All'udienza si sono difesi i membri di Grup Yorum: İbrahim Gökçek, Emel Yeşilırmak e Barış Yüksel.  Dopo la pausa, il tribunale ha annunciato la sua decisione di continuare la detenzione di İbrahim Gökçek, che è in death fast, e di rilasciare Barış Yüksel sotto controllo giudiziario e Emel Yeşilırmak. Si è deciso di rinviare l'udienza dal 26 al 27 marzo 2020.

Dopo la decisione, la folla presente in tribunale ha supportato Ibrahim Gökçek con degli slogan.

Pubblichiamo la difesa di İbrahim Gökçek all'udienza di oggi:

İbrahim Gökçek: "Sono in sciopero della fame da 242 giorni. Voglio giustizia. Voglio vivere come un artista del popolo. Voglio che tutte le richieste siano accettate. Il tempo tra l'accusa e il tribunale è di circa 152 giorni. Abbiamo anche chiesto il fascicolo, che è arrivato martedì e consisteva di 1000 pagine. Non è possibile esaminare questo fascicolo in così poco tempo. In questo senso, non abbiamo potuto preparare la difesa nel modo che volevamo. Sono venuto qui ma posso tornare? Non so se i miei avvocati, le famiglie e gli artisti che sono venuti ad assistere mi potranno rivedere qui. Potrei morire! Potrei essere paralizzato! Potrei perdere la memoria. Voglio dire qualcosa. Voglio anche che ascoltiate la mia richiesta. Voglio spiegare un po' questo processo. Prima di tutto, vorrei ringraziare tutti qui, uno per uno. C'è molto da dire. C'è davvero molto da chiedere. Abbiamo aspettato 242 giorni per avere giustizia. Sono io İbrahim Gökçek, da 15 anni impiegato come artista nel gruppo musicale Grup Yorum. Ho cercato di fare arte come Pir Sultan. Non essere un pagliaccio di palazzo. Ho composto liriche e ho suonato il basso per 15 anni. Ho visitato più di 60 città del mio paese. Sono stato in decine di paesi. Ho fatto 100.000 concerti. Siamo diventati la voce per milioni di persone. È durato fino al 2016 con lo stato di emergenza. Il 15 luglio 2016 ho dato un concerto per 40.000 persone a Hatay Samandağ e prima del concerto i poliziotti, che dicevano che non avremo mai potuto fare tutto questo, sono scomparsi immediatamente. Ma nel 2017 è iniziata una grande persecuzione politica per Grup Yorum. L'AKP ha usato il colpo di stato avviato dal FETÖ e ha attaccato il pubblico e l'opposizione. Il Centro Culturale İdil è stato preso d'assalto 12 volte. Preso d'assalto 12 volte! I nostri strumenti sono stati rotti! Le nostre chitarre rotte. I capelli di Bergüns sono stati strappati. Che tipo di ostilità è questa? Che cosa abbiamo fatto? Tutto questo è successo perché abbiamo continuato a cantare canzoni del popolo. Non accetto il mutismo delle canzoni nelle canzoni. Questo caso non sarebbe solo la testimonianza di Berk Ercan o di Ceyhun Bay, uno dei quali è stato catturato con una pistola e l'altro è un gangster. Sono personaggi creati per scrivere la calunnie ed esprimere le parti. Assicuratevi che vi vendano per primi, dopo che questo processo è stato completato. Ora hanno venduto le loro anime, non sono nemmeno dei cadaveri. Voglio giustizia. Voglio che il nostro Centro Culturale non venga più preso d'assalto. I miei amici saranno liberati. Noi non distribuiamo dollari come Alişan. Non ricuciamo le cose come Yavuz Bingöl. La nostra ricompensa più grande sono i 10 mila spettatori. Voi giudicate un gruppo del genere? Vogliamo che i divieti dei concerti finiscano. Siamo nel ventunesimo secolo, i concerti sono vietati. Si fanno delle liste su di noi. Questo è il mio Texas? Abbiamo preso una pistola? Abbiamo fatto un massacro? Abbiamo detto: "Qualunque cosa sia stata fatta" e abbiamo fatto abbreviare la frase? Abbiamo formato un'orchestra libera e ci avete ricoperto di menzogne. La polizia di Istanbul chiama e minaccia le famiglie. Che tipo di ostilità è questa? Non siamo stati noi a farlo. Siamo qui perché non abbiamo fatto queste cose. Non c'è niente a nostro carico. Siamo attaccati. Oggi è il 14 febbraio, il giorno di San Valentino. Ma il giorno del mio matrimonio eravamo in tribunale con mia moglie. Sarebbe una fortuna bere qualcosa con mia moglie fuori, magari mano nella mano. Ma è un'emotività a parte. Quattro anni dei nostri cinque insieme, li abbiamo passati in prigione. Accidenti.
Era impossibile esaminare 1.000 pagine. Vogliamo tempo per la difesa principale. Siamo artisti del popolo. L'accusa si basa su informazioni di criminali spacciatori di droga. Non ha niente a che fare con quello che facciamo. Diamo lezioni gratuite, diamo concerti gratuiti.  Facciamo gratis quello che fanno le grandi compagnie organizzatrici. Sto solo dicendo una cosa. Voglio dire che le presunte menzogne su di me e che questo caso sono illegali.

Abbiamo dei debiti.  Abbiamo venduto i libri. Chi dà la colpa a noi lo sa bene. Ma si dice che: "Siamo andati a prendere i soldi". Risponderò a tutti loro, se necessario. Se ci fosse una legge che corrispondesse alle leggi esistenti, non saremmo qui. Volevamo dare concerti all'aperto e stare con i nostri cari. Gli artisti del popolo non possono essere criminalizzati e rinchiusi. Che cosa ha fatto questo processo? Secondo quale legge si sta cercando di bandire Grup Yorum? Anche se siamo qui Grup Yorum continua a comporre e cantare! Ho fatto 10 composizioni. La gente muore nel terremoto di Elazig, la gente è esposta. Fino al 2017, camminavo tranquillamente per strada. Ma all'improvviso una mattina mi sveglio e il mio nome è sulla lista! Spero che anche il mio più piccolo nemico non lo sperimenti. Chi è un terrorista? Gli artisti lo sono forse? O quelli che vanno in giro con un inno di Mehter? Noi non lo siamo. Lei ha definito il nazismo terrorista! Ora loro chiamano noi terroristi. Non sono scappato. Sono andato al Centro Culturale. Da lì sono stato arrestato. Ho continuato la mia arte. Grup Yorum non è così. Quando Grup Yorum è stato fondato, avevo 5 anni. Ora ne ho 35! L'AKP, che sarà al potere domani, rimarrà. Quanti poteri sono andati e venuti? Ma noi continueremo a rimanere. Grup Yorum non può essere messo a tacere. Soprattutto se è morto continuando la sua arte, non può essere messo a tacere affatto. La prova sono Helin Bölek e Bahar Kurt. Anche loro sono state arrestate per le mie stesse ragioni. I miei amici sono estradati. Helin ha trasformato lo sciopero della fame in death fast. Ci è stato detto che non si fa arte per il popolo. Noi ci opponiamo. Noi viviamo oggi in Turchia e dovremmo rischiare la morte per fare arte. Ma io non voglio morire, voglio vivere. Voglio suonare il basso e andare a fare concerti. Voglio che le condizioni siano soddisfatte. Non si può mettere a tacere la nostra arte imponendo pene severe e sopprimendo le nostre opere con le armi. Chi mette delle persone “alternative” contro di noi, esercita questa pressione.

Alla fine, tutti i Pir Sultani e Yılmaz Güney, vivono nella nostra lotta. Hanno sofferto molto sotto il potere del loro tempo. Le loro canzoni per il popolo e i loro nomi sono ancora vivi. Grup Yorum oggi è Köroğlu o Ruhi Su, che crescono ogni giorno. Noi riceviamo potere da loro. Tutto può succedere, ma non ci sottometteremo mai all'ingiustizia. Se sei un nemico, resistiamo anche per te. Ci rifiutiamo di accettare le ingiustizie. Voglio comporre e cantare. Voglio la nostra libertà. Ancora una volta, voglio ringraziare tutti coloro a cui apparteniamo. Voglio ringraziare le nostre famiglie, gli artisti, gli intellettuali, gli avvocati e i nostri amici. Voglio esibirmi in nuovi concerti. Chiedo il mio rilascio e la mia assoluzione.”

Barış Yüksel, che è intervenuto all'udienza, si è così difeso: "Siamo socialisti, quindi siamo condannati.  Sono laureato in informatica al METU.  Mi sono laureato con un master e ho lavorato per un dottorato nello stesso dipartimento.  Noi, come ingegneri umanisti, abbiamo costruito le turbine eoliche. Abbiamo costruito le turbine ad acqua nei villaggi senza elettricità. Abbiamo costruito giardini pubblici. Abbiamo fatto un deambulatore per Ferhat. Abbiamo visitato l'Anatolia. I nostri progetti sono cresciuti e si sono sviluppati con la nostra gente. Oggi sono i nostri pensieri ad essere giudicati, non i nostri progetti.  Come i miei amici, ho partecipato ad azioni contro i bassi salari e gli omicidi per cause dovute alla sicurezza sul lavoro e sono stato arrestato. Siamo stati processati come membri dell'organizzazione perché c'era un testo giallo e rosso sullo striscione.  Lei è in toga, indossa questi colori, allora è un membro dell'organizzazione terroristica? Suono la batteria per Grup Yorum dal 2016, ho partecipato ai loro concerti per anni. A discapito di ogni ambizione abbiamo fatto canzoni per 301 minatori nella stazione di Ankara. Per questo siamo imputati, perché facciamo arte per il popolo. Ho protetto gli strumenti e la mia vita nella mia istituzione. Non mi sono nascosto, ero lì. Theodorakis, Nazım e Neruda vivevano in esilio. Come noi in tempi come questi. Tutti i membri di Grup Yorum sono stati arrestati. I concerti sono stati banditi e abbiamo fatto uno sciopero della fame. İbo e Helin lo hanno trasformato in death fast. Un anno dopo è stata presentata un'accusa. Non mi sottometterò a questa illegalità. Sono affamato di giustizia come Mustafa Koçak, voglio giustizia. Tutto ciò che faccio è un onore per me. Sono stato in prigione per un anno per un fascicolo vuoto. Chiedo il mio rilascio e l'assoluzione.”

Emel Yeşilırmak, cantante di Grup Yorum, si è difesa con le seguenti parole: “Oggi resistiamo al dolore delle persone per condividere la loro gioia. I minatori ci hanno chiamato al concerto e sono stata perquisita perché cantavamo. Ho saputo che sono stata arrestata per il mio presunto terrorismo. Qual è il crimine di essere la voce del lavoratore? Il motivo per cui eravamo sulla lista del terrorismo del Ministero degli Interni era per condurci al suicidio. Sono stata messa sotto processo, perché non ero fuori. Come posso uscire? Il mio nome era sulla lista. "Il Ministero dell'Interno fece una lista come monito per noi. Voglio uscire. Sono in arresto da un anno. Ma il procuratore ha aggiunto sei fascicoli due volte. Mi hanno mandato una condanna a 5 anni per il 1° maggio. Un giorno sarò assolta da tutto. La rivista Tavır, inclusa nell'atto d'accusa, è stata pubblicata per 40 anni. Significa lavorare legalmente, in modo autorizzato. Siamo andati allo stand del TÜYAP ed è fuori discussione. 800 riviste sono pubblicate dalla CIA. Il fratello Ibo, che è stato arrestato, è uno dei membri più anziani di Grup Yorum. Umit Bruder è un poeta socialista. Ha vissuto in esilio come noi. Grup Yorum non è oggi nella sala da concerto, ma nelle sale della resistenza. Il cuore di un intero popolo è con noi oggi.”

Se non vogliamo che Helin Bölek muoia allora continuiamo a fare appello alla resistenza, sia dalle prigioni turche che dall'esterno, e chiediamo che le sue giustificate richieste siano accettate!

Per rimanere in vita
Non c’è altro modo
che dare voce alla resistenza.

Dogan Press Agency


:

Photos de l'article

Video de l'article

Articles similaires

 

Politique

Economie

Jeunesse

Culture

Technologie

Cinema Guichet

Valence ville

Drome

SPORT

Sante

Vidéos les plus vues

Monde

LE TOP 6 DES ARTICLES


siber güvenlik